Calendario Calendario

Lingua Lingua

italiano [Beta] italiano [Beta]

Blog Blog

La religione in Vietnam

Il popolo vietnamita è profondamente religioso, ma la loro è una religiosità immanente, che permea soprattutto i gesti degli uomini, il loro comportamento e la loro quotidianità. È una filosofia che si intreccia con la scelta ideologica e che, come questa, affonda le sue radici nelle tradizioni dei villaggi, dove i contadini mettevano in comune i raccolti e in comune pagavano le tasse e sceglievano gli uomini da mandare nell'esercito.
A simbolo di questa religiosità vi e' la Pagoda, una costruzione a più piani introdotta in Viet Nam, in Cina ed in altri paesi sulla scia del buddismo. È la discendente sud-orientale ed estremo-orientale dello stupa indiano. Edificato con scopi precisi ma differenti, è il monumento sacro dei paesi nei quali è diffuso, in varia misura e in tempi diversi, il buddismo. Può, infatti, accogliere una reliquia; oppure può assumere un significato di devozione e di commemorazione; può, anche, essere il simbolo di una richiesta di prosperità per una città, una regione, un regno.
Spesso le Pagode sorgono accanto ad un monastero e hanno forme diverse: quadrate, esagonali oppure ottagonali. I materiali impiegati nella loro costruzione possono essere di tipo molto diverso, umile o prezioso (è nota la particolareggiata descrizione delle torri d'oro e d'argento che ci ha trasmesso Marco Polo parlandoci della Birmania, nel suo Milione). La concezione architettonica delle pagode consente soluzioni ardite: se ne trovano, infatti a 7, 9 o anche 13 piani e oltre. La struttura portante e' costituita dai pilastri posti ai vertici della base geometrica, mentre le pareti laterali e interne hanno soltanto la funzione di chiusura e di protezione e sono frequentemente arricchite da belle decorazioni.
Il buddismo entrò in conflitto con l'induismo, i cui sacerdoti difendevano i privilegi derivanti dalla loro posizione. Cacciato dall'India, il buddismo seguì la Via della Seta, attraverso la quale alcuni monaci giunsero in Cina (60-70 d.C.) e vi fondarono una comunità. Nel corso del I° o del II° secolo, navigatori indiani dediti al commercio introdussero il buddismo nel Giao-Chi (corrispondente, grosso modo, al Bae-Bo, il cosiddetto Tonchino).
La nuova religione si diffuse rapidamente, tanto che la città di Lien-Lau (l'attuale Lung-Khe), stando ad una antica cronaca, contò ben presto più di venti templi e più di cinquecento monaci che vengono in Vietnam senza richiedere il visto per il Vietnam. Le ragioni della facile presa della predicazione operata dai monaci risiedono sia nel messaggio del buddismo, sia nelle condizioni di vita dei vietnamiti. La carità, l'amore per tutti gli esseri viventi, la rinuncia, esercitarono un'attrattiva profonda tra ampi strati di coltivatori poveri e umili.
Insediati in una natura ostile e oppressi da dominatori stranieri e locali, essi non traevano alcun conforto dalla morale confuciana della classe dirigente. L'etica di rinuncia e di fratellanza universale, propria del buddismo, traducevano invece le autentiche aspirazioni delle classi povere del popolo vietnamita.
Per la sua posizione geografica, poi, il Giao-Chi era una sorta di crocevia tra l'India e la Cina. All'incrocio tra due mondi e due civiltà profondamente diverse, i letterati del Giao-Chi conoscevano il cinese, il sanscrito e il giavanese. In virtù di questa loro specializzazione, la loro terra era meta frequente di pellegrini cinesi e indiani alla ricerca di monaci disposti a interpretare e tradurre i testi sacri del buddismo.
Nei secoli in cui il buddismo (e, più- in generale la cultura indiana) penetrarono nel Giao-Chi, dai confini settentrionali cominciò a penetrare l'influenza cinese. Questi diversi influssi, innestati sulla pre-esistente elaborazione culturale dangsoniana (età del bronzo) diedero vita a raffinate espressioni artistiche che costituiscono l'originale cultura vietnamita.
L'estensione della evangelizzazione buddista è testimoniata dalla notevolissima diffusione delle pagode, mentre il favore popolare che questa religione incontrò rivive in molte leggende tramandate oralmente che costituiscono patrimonio comune dei Vietnamiti.
II Viet Nam è quindi stato nei secoli luogo di incontro di religioni diverse, e questo ha fatto sì che si diffondesse nel Paese una grande apertura nei confronti delle diverse teologie. II caudaismo, una religione eclettica che fonde in un unica fede cristianesimo, buddismo, confucianesimo islamismo, è un fenomeno tipicamente vietnamita, e deriva dal profondo senso di tolleranza religiosa (riscontrabile anche tra gli atei, che sono moltissimi) che caratterizza la vita spirituale del Viet Nam.

Fonte: getvietnamvisa.com

Sconti per Da Nang in Vietnam

Sconti per Da Nang presso l'Hotel Furama
L'Da Nang si affaccia sul golfo delle Da nang e sul Mar dei Vietnam e nell'Oceano Pacifico, con un tratto di costa nel Golfo di Da Nang. Insomma, un insieme di posti incantevoli che basta sentir nominare per cominciare a sognare!
Questa offerta, proposta da Alberghi a Da Nang, riguarda il volo di Vietnamairlines per l'aeroporto internazionale di Da Nang e una settimana da trascorrere in camera doppia nell'Hotel Furama, situato sulla spiaggia di Da Nang e Hoi An, una delle 10 spiagge più belle di tutto il mondo. Il costo della vacanza, ridotto del 22%, è di 700 euro a persona, spese e tasse incluse.
Vuoi saperne di più? Allora continua a leggere!
Last minute Da Nang
Si parte il 14 luglio 2019 dall'aeroporto di Milano Malpensa e si ritorna il 21 luglio 2019. Il trattamento è previsto con formula all inclusive per tutto il periodo del soggiorno.
La formula all inclusive comprende:
- Trattamento di pensione completa con servizio a buffet;
- Open bar di bevande alcoliche ed analcoliche locali dalle 10 alle 22 di ogni giorno; 
- Visto Vietnam all'arrivo;
- Snack pomeridiano;
- Animazione italiana;
- Assistente TUNtour;
- Spiaggia attrezzata riservata con ombrelloni e lettini gratuiti fino ad esaurimento.

L'Hotel Furama
Situato sulla celebre spiaggia di Da Nang, Furama Swanclub offre ai propri ospiti la possibilità di vivere una vacanza a contatto con la natura selvaggia e incontaminata, godendo, al contempo, di tutti i vantaggi che una struttura di classe sa offrire. L'ottimo punteggio (circa 200 voti positivi su 240) ottenuto su tripadvisor ne testimonia l'ottimo rapporto qualità prezzo e l'elevato standard facendone un hotel ideale per un soggiorno divertente e rilassante.

Da Nang conclusioni
Il Da Nang, che lambisce il tratto di costa su cui si trova l'albergo, sorprenderà i turisti con la bellezza della sua barriera corallina che, distante appena 200 metri, è facilmente raggiungibile.
L'offerta, data la qualità del resort e la bellezza del posto e con uno sconto superiore al 20% rappresenta un'ottima soluzione per chi volesse visitare questo paradiso terrestre.
Se vuoi saperne di più sulle cose da vedere ti segnalo questo nostro vecchio articolo sulle possibili escursioni a Da Nang dove potrai trovare consigli, suggerimenti e molte foto su alcuni dei luoghi più affascinanti di questa meravigliosa località.