PROgramma Mattone Internazionale salute

Referente: Laura F. Russo
E-mail: fl.russo@aslsalerno.it
Tel: 089 693649

Il PROgramma

ll Programma Mattone Internazionale Salute (PRO.M.I.S.) - vai al sito  PRO.M.I.S. - approvato su proposta del Ministero della Salute nella Conferenza Stato Regioni del  29 luglio 2015 rappresenta la naturale evoluzione del Progetto Mattone Internazionale (PMI).

Il PMI, nato per rispondere all`esigenza di portare la sanità delle Regioni in Europa e l'Europa nei Sistemi Sanitari delle Regioni italiane, si è sviluppato sotto la regia del Ministero con il coordinamento dalla Regione del Veneto, affiancata dalla Regione Toscana.
Negli anni sono state realizzate attività formative e informative dedicate alle strutture ministeriali competenti, alle Regioni italiane, alle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, nonché ad altri stakeholder coinvolti negli ambiti sanitari, al fine di promuovere la divulgazione sul territorio nazionale delle politiche comunitarie e delle possibilità di accesso ai programmi europei e internazionali per la salute, la ricerca e l'innovazione.
Nel 2015 il Progetto Mattone Internazionale è diventato una struttura permanente a supporto delle Regioni e delle Province Autonome nei loro processi di internazionalizzazione, riproponendosi con il nome di Programma Mattone Internazionale Salute (PRO.M.I.S.)
In questa nuova veste istituzionale, il PRO.M.I.S assume il compito di consolidare i risultati conseguiti dal PMI, dando  continuità ad un innovativo modello di "governance" sperimentato dal 2011 e rivelatosi efficace nelle sue molteplici applicazioni.
L'obiettivo resta sempre quello, irrinunciabile, di portare la Sanità delle Regioni in Europa e nel Mondo altresì l'Europa e il Mondo nei Sistemi Sanitari delle Regioni italiane, nel quadro di una collaborazione sinergica con il Sistema Paese.
Oltre a supportare e rendere competitiva la partecipazione delle Regioni italiane, così come delle Aziende Sanitarie e delle Aziende Ospedaliere, ai finanziamenti Europei ed internazionali, si continuerà a: a) promuovere la divulgazione sul territorio nazionale delle politiche comunitarie e delle possibilità di accesso ai programmi europei per la ricerca e l'innovazione; b) supportare la partecipazione dell'Italia , delle Regioni e delle Aziende al processo decisionale dell'Unione Europea in materia di sanità e di ricerca medica; c) stimolare la partecipazione alle politiche di salute dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e delle altre Agenzie internazionali; d) stimolare un confronto internazionale per potenziare consapevolezza, esperienza ed efficienza gestionale delle strutture socio sanitarie nazionali; d) organizzare la partecipazione coordinata e competitiva ai bandi europei; f) sostenere l'integrazione delle diverse politiche in un'ottica europea/internazionale.
Tutto ciò con l'obiettivo generale di far crescere le competenze e la competitività in ambito internazionale, diffondendo le opportunità derivanti  anche dalla progettazione nel settore della cooperazione decentrata e delle emergenze sanitarie.
 

Study visit Serbia: Presentazione - Foto 1 - Foto 2 - Foto 3